COOPERAZIONE MISSIONARIA

Inviato da Admin il Dom, 24/12/2017 - 16:24

Riportiamo qui di seguito un breve stralcio di due numeri della lettera enciclica Redemptoris Missio di Giovanni Paolo II riguardanti la cooperazione missionaria.

77. In forza del Battesimo tutti i cristiani sono corresponsabili dell’attività missionaria. La partecipazione delle comunità e dei singoli fedeli a questo diritto-dovere è chiamata <cooperazione missionaria>.
Tale cooperazione si radica e si vive innanzitutto nell’essere personalmente uniti a Cristo: solo se si è uniti a lui come il tralcio alla vite (cf. Gv 15,5), si possono produrre buoni frutti. La santità di vita permette ad ogni cristiano di essere fecondo nella missione della chiesa: “Il sacro Concilio invita tutti ad un profondo rinnovamento interiore, affinché, avendo una viva coscienza della propria responsabilità in ordine alla diffusione del Vangelo, prendano la loro parte nell’attività missionaria presso le genti”… Così il credente allarga i confini della sua carità, manifestando la sollecitudine per coloro che sono lontani, come per quelli che sono vicini: prega per le missioni e per le vocazioni missionarie, aiuta i missionari, ne segue l’attività con interesse…

78. Tra le forme di partecipazione il primo posto spetta alla cooperazione spirituale: preghiera, sacrificio, testimonianza di vita cristiana. La preghiera deve accompagnare il cammino dei missionari, perché l’annunzio della Parola sia reso efficace dalla grazia divina…

Per quanto riguarda il sostegno economico alle missioni già si attuano diverse iniziative, per la cooperazione spirituale Don Mauro con la commissione missionaria propongono questi momenti di preghiera comunitaria:

  1. Una volta al mese, in ogni parrocchia,  la messa serale delle 20.30 sia per le missioni, secondo il seguente calendario:
    • Vergo: Lunedì 27 novembre 2017 (già fatto)
    • Calò: martedì 30 gennaio
    • Montesiro: giovedì 22 febbraio
    • Valle: sabato 24 marzo (memoria dei martiri missionari)
    • Cazzano: venerdì 27 aprile
    • Villa  R.: mercoledì 30  maggio
  2. Durante il mese di  maggio, ogni settimana venga dedicato alle missioni (in particolare alle vocazioni) il rosario che viene recitato nei vari rioni di ogni parrocchia.

 

Etichette