INFELICITA' o FELICITA'?

Inviato da don Mauro il Mar, 22/01/2019 - 17:58
cento parole

Il contesto odierno sembra illudere le persone con l'idea che 'vivere' sia facile! L'esito è che lo sprovveduto ci casca, trovandosi quasi sempre infelice ed insoddisfatto pur avendo tutto.

Leggendo i giornali in evidenza ci sono sempre notizie negative, e visto l'impegno di molti a promuovere l'infelicità come una sapienza, ho pensato di dare un semplice contributo. Ecco tre regole per essere infelici:

1. Scoraggiare le scelte. Se un ragazzo si entusiasma per una vocazione, devi dirgli: "Sei troppo giovane...".

2. Cancellare la vita eterna. Con l'autorità di tanti sapientoni dimostra in modo chiaro che siamo vivi per morire.

3. Banalizzare l'amore. Sul rapporto uomo-donna proponi un pensiero volgare, cioè che si tratta di prendere e non di donare, di sentimento e non di responsabilità, di corpo e non della persona e sua vocazione. E che Dio comunque non c'entra!

Io, in confidenza preferisco essere felice ed applicare l'insegnamento del Vangelo anche se costa. Gesù infatti vuole che tutti i suoi discepoli vivano con impegno il dono della vita perché sono chiamati alla felicità eterna, quella che non troviamo in questo mondo, ma che prepariamo con le nostre scelte.