Cento parole di comunione

VORREI DIVENTARE SUORA...

Inviato da don Mauro il Mar, 15/01/2019 - 22:20

Il signor Asdrubale ha le idee chiare. Non ha paura di quello che pensa e non si lascia intimidire da nessuno, ci fosse pure il papa! Parla con passione e non perde il filo del discorso; è deciso e lucido; interpreta il pensiero di molti con incisività.

Sa bene cosa vuole per i giovani: un prete o una suora giovane capace di affascinarli. Sono i giovani che hanno bisogno di una guida: noi adulti sappiamo quello che dobbiamo fare. I nostri ragazzi invece rischiano di crescere sbandati!

ESSERE SOBRI...

Inviato da don Mauro il Mar, 04/12/2018 - 16:00

E' da troppo tempo che sentiamo lamenti perché tante famiglie non arrivano alla terza settimana del mese per lo stipendio che non basta mai. Se però ascoltiamo le notizie televisive, per le prossime Feste di Natale, sembra che tutto sia esaurito: posti in treno, divertimenti sulle piste di sci, acquisti per regali... senza un regalo, che Natale è?

DIO CI RIVESTE...

Inviato da don Mauro il Mar, 27/11/2018 - 15:30

Dalla piazza della basilica si vede la prima timida neve comparsa sulle prealpi lecchesi! E' affascinante vedere come basta un poco di neve per cambiare l'aspetto delle montagne. Osservando dalla piazza queste cime imbiancate, mi passano nella mente due semplici riflessioni.

VEDERE 'OLTRE'...

Inviato da don Mauro il Lun, 19/11/2018 - 22:05

E' sempre interessante il ritorno da Milano con il Besanino! Infatti nonostante disagi per qualche imprevisto, si possono fare incontri casuali ed interessanti. Qualche giorno fa, accanto a me si sono sedute tre ragazza universitarie: al di là di un linguaggio spesso volgare, discutevano di un professore che ritenevano buono ma poco esigente.

Gli rimproveravano di essere sempre sereno, di non arrabbiarsi mai, neppure di fronte alle loro provocazioni. Guardando dal finestrino seguivo il loro ragionamento cercando di immaginare questo professore.

IL VALORE DELLA SOFFERENZA

Inviato da don Mauro il Mar, 23/10/2018 - 08:34

Abbiamo celebrato ieri la memoria di san Giovanni Paolo II, e ricordando la lettura di un libro scritto su di lui dal suo segretario, il cardinal Dziwisz, mi è rimasta in mente questo passaggio: "Il papa voleva ricordare a chi soffre , ma anche al nostro mondo egoista, il valore che agli occhi di Dio ha la sofferenza vissuta con Cristo. La sofferenza può essere accettata, senza che per questo si perda la propria dignità."

UN NIDO

Inviato da don Mauro il Mer, 19/09/2018 - 15:10

L'altro giorno sotto un cespuglio di lauro, del giardino della canonica, ho trovato un nido abbandonato: mi colpisce sempre la raffinatezza e la premura con cui esso è stato confezionato attraverso un paziente lavoro condotto a colpi di becco.

La Bibbia si interessa a più riprese dei nidi e delle nidiate:"Anche il passero trova la sua dimora, la rondine il nido dove porre i suoi piccoli..." (sal 84) Questo nido ha già adempiuto alla sua funzione di sede per la covata..

LE DISTRAZIONI

Inviato da don Mauro il Mar, 11/09/2018 - 09:10

Stiamo vivendo una settimana particolare: abbiamo le reliquie del grande San Giovanni Paolo II di fronte alle quali siamo invitati a sostare in preghiera. Tanta gente sfila davanti a questi semplici resti umani che ci provocano verso la santità. Tutti si raccolgono in preghiera per chiedere forza e coraggio per una testimonianza convinta e per un dono di Grazia.

MEGLIO IL NOI...

Inviato da don Mauro il Mar, 04/09/2018 - 15:06

I pronomi sono parole spesso birichine. C'è il pronome IO. Se gli si dà spazio non ti salvi più. Ci sono quelli che, di qualunque cosa si parli, hanno sempre da dire:"Anch'io ho visto... quando c'ero io... Se fossi io... io lo conosco..."
In ogni occasione l'IO invadente continua a proporsi!