Cento parole di comunione

VINCERE CERTI VELENI

Inviato da don Mauro il Lun, 03/08/2020 - 09:38

Il cuore malato di invidia non riesce a vedere le cose belle dentro di sé ed i tesori che ciascuno custodisce, non si cimenta a svilupparli perché prigioniero della pigrizia: pertanto guarda con sospetto negli altri quello che 'crede o è convinto' gli manchi davvero.

La diceria è quel veleno sottile che uccide spesso la speranza, proprio mentre germoglia. Le cose nella diceria vengono aggravate o gonfiate, le negatività sono aggiunte, il male  si diffonde. Come vincere i veleni diffusi dell'invidia e della diceria?

DIRE 'GRAZIE...'

Inviato da don Mauro il Lun, 27/07/2020 - 10:42

"Se sul dizionario ci fosse scritta una sola parola, quale vorreste leggere?", chiese un ottimo educatore ad un gruppo di ragazzi in una scuola. Gli studenti diedero le classiche risposte: "Amore, gioia, pace, vita, felicità..."

Ma quell'educatore, scrollando il capo, precisò: "Tutte belle queste parole, ma vengono dopo... Io vorrei che ci fosse scritto solo: Grazie!". Perché se sappiamo dire grazie, vuol dire che valorizziamo ogni altro dono, oppure sappiamo trasformare in dono ed in grandezza ogni altra cosa.

TRE VERBI..

Inviato da don Mauro il Lun, 20/07/2020 - 09:35

Mese di luglio, nonostante la pandemia è mese di escursioni. Nel salire in montagna, occorre spesso alzare gli occhi verso la bellezza della meta. E' la cima che affascina e spinge a superare tanti ostacoli. E' la santità, la meta a cui Dio ci chiama.

C'è sempre bisogno, infatti di cielo. Quel cielo che è già dentro di noi, ma che va costantemente rivisitato, ripulito nel cuore e negli occhi. Per la situazione generale della Chiesa mi piace rivisitare tre verbi che ci aiutano a vivere le relazioni all'interno della comunità cristiana.

VOLARE ALTO

Inviato da don Mauro il Lun, 06/07/2020 - 08:48

La preghiera e la forza della Parola permettono di sognare e di volare alto. Anche nei nostri giorni, di prova, fatica e preoccupazione, la preghiera diviene visione di un mondo nuovo, il mondo che Dio ha penato  per ciascuno di noi.

Un cristiano che prega mette le ali al suo cuore e non vede gli eventi nel puro loro svolgersi, ma vi intravede lo stesso sguardo di Dio. Perché è con i suoi occhi, gli occhi del Signore, che legge la storia.

SULLA STESSA BARCA

Inviato da don Mauro il Lun, 29/06/2020 - 08:59

C'è nella Bibbia un brano che non si legge quasi mai nelle celebrazioni. Una parabola della speranza, nella vita di san Paolo, uomo di speranza. E' il suo naufragio nel suo viaggio verso Roma! E' raccontato nel capitolo 27 degli Atti degli Apostoli.

Parte in catene da Cesarea, tocca Sidone, costeggia l'Asia minore, cambia nave e giunge fino a Creta. Qui, il grande dilemma: svernare oppure continuare il viaggio. Il centurione Giulio decide di proseguire.

IL FIORE DEL CACTUS

Inviato da don Mauro il Lun, 22/06/2020 - 09:11

L'altro giorno, passando per una via ho ammirato in un giardino, contro un muro assolato, uno stupendo cactus! Era ricco di fiori! Meravigliosi, luminosi gialli venati di bianco e rosso. Un capolavoro della natura.

Spinoso all'esterno, contorto, duro e pungentissimo: tanto ostica la pianta di questo fiore, tanto ricca di fiori. Nessuno direbbe possibile un fiore così delicato da una pianta così spinosa. Sono le meraviglie del cammino della vita!

SALVE REGINA

Inviato da don Mauro il Lun, 15/06/2020 - 08:45

Il prossimo sabato celebreremo il Cuore Immacolato di Maria! Una delle preghiere più  care al popolo cristiano è la 'Salve regina...', preghiera nata al tempo della riforma Gregoriana, in un momento di grande ripresa spirituale, di fronte a secoli di decadenza e di sterilità.

Il guardare a Maria diventò forte motivo di coraggio; sentirla regina era come aver dentro il cuore la voglia di trasformare in bene tutte le cose, di cambiare la storia, di reagire al male.

LA VERITA' CHE LIBERA

Inviato da don Mauro il Lun, 01/06/2020 - 09:14

Ieri abbiamo celebrato solennemente la Pentecoste, la discesa dello Spirito Santo che con la sua effusione di Grazia ha dato inizio alla Chiesa.

Raccogli, o Spirito Santo, la sete struggente di bene che c'è nel cuore di ogni uomo ed orientali verso scelte di verità, dignità ed unità. Sostienici quando è difficile essere servitori della Verità e siamo tentati di percorrere strade più comode della menzogna e del compromesso.